Archivio mensile febbraio 2018

Agenti immobiliari abusivi: in vigore pene più severe dal 15 febbraio.

Finalmente da giovedì 15 febbraio la lotta a chi esercita la professione di agente immobiliare in modo abusivo assume un volto davvero severo.

Scoprite con Pegaso Immobiliare come è cambiato l’articolo 348 del Codice Penale, che punisce pesantemente i mediatori non abilitati.

L’articolo 348 del Codice Penale stabilisce le sanzioni per chi esercita abusivamente una professione “per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato”, compresa quella di agente immobiliare. Prima della modifica, esso prevedeva per i falsi mediatori una multa da 103 a 516 euro e la reclusione fino a un massimo di sei mesi. Tali provvedimenti venivano attuati alla terza infrazione.

La Legge 3/2018 modifica il testo dell’articolo 348, facendo scattare le sanzioni già dalla seconda infrazione e rendendo più pesanti le pene destinate ai falsi mediatori. L’articolo 12 in particolare stabilisce che:

Chiunque abusivamente esercita una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 10.000 a euro 50.000. La condanna comporta la pubblicazione della sentenza e la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato e, nel caso in cui il soggetto che ha commesso il reato eserciti regolarmente una professione o attività, la trasmissione della sentenza medesima al competente Ordine, albo o registro ai fini dell’applicazione dell’interdizione da uno a tre anni dalla professione o attività regolarmente esercitata.

I cambiamenti sono sostanziali. Il periodo di reclusione più lungo, la confisca dei beni usati come strumento per l’esercizio dell’attività, l’interdizione da altra professione regolare per uno-tre anni corredano quello che è il vero deterrente della nuova normativa: la multa salatissima.

agenti immobiliari abusivi

Colpendo il lato economico, la Legge vuol essere finalmente un mezzo concreto per inibire i comportamenti illeciti. L’esercizio abusivo della professione di mediatore è molto diffuso in Italia e genera enormi danni all’immagine dell’ordine degli agenti immobiliari.

La nostra professione non si può improvvisare, è un lavoro che implica grandi responsabilità e necessita di prerogative indispensabili a livello morale e professionale. L’agente immobiliare è un esperto degli scambi di beni immobiliari o aziendali; deve essere assicurato, iscritto regolarmente alla Camera di Commercio e aver superato l’esame di abilitazione riconosciuto dallo Stato.

Gli agenti immobiliari abusivi non possiedono le conoscenze adeguate e rappresentano un rischio per i loro potenziali clienti, che possono incorrere in danni patrimoniali dovuti a errori formali e amministrativi, senza alcuna tutela assicurativa.

Nell’attesa di vedere ulteriori sviluppi e l’attuazione di controlli serrati per combattere in modo efficace l’abusivismo, se siete alla ricerca di un agente immobiliare serio e affidabile, rivolgetevi all’Agenzia Pegaso Immobiliare. A noi potete affidarvi in totale tranquillità.

Come trasformare la casa in un Bed and Breakfast.

Negli ultimi anni affittare per brevi periodi una casa di proprietà o parte dell’abitazione in cui si vive è diventato sempre più frequente.

Sono tantissimi gli italiani che hanno scelto di organizzare le loro case in modo da farle diventare strutture micro-ricettive.

Trasformare la casa in un Bed and Breakfast è senza dubbio un modo valido per arrotondare le entrate, ma deve essere fatto nel modo corretto.

L’Agenzia Pegaso Immobiliare vi spiega i requisiti che un immobile deve avere per poter generare reddito.

La casa: luogo privato, intimo, abitazione destinata ad un ristretto gruppo familiare? NO.

Nell’era della globalizzazione e della condivisione, anche il concetto di casa si evolve e si libera di certi caratteri di chiusura.

Come un dado, la casa ha varie facce; di conseguenza può essere interpretata o modificata a seconda delle sue caratteristiche e delle esigenze dei proprietari.  Ed ecco che molti, dovendo affrontare una ristrutturazione o trovandosi a gestire un immobile con alcune camere che restavano inutilizzate, ne hanno approfittato per ricavare spazi idonei ad accogliere ospiti paganti.

Il Bed and Breakfast è in assoluto la struttura di micro-ricettività di maggior successo.

La gestione di questa attività prevede che i proprietari mettano a disposizione degli ospiti l’occorrente per il pernottamento, la prima colazione, la pulizia della camera e un bagno (privato o in condivisione).

La rapida diffusione di questo tipo di attività anche nel nostro territorio, cioè quello di Pisa e provincia, è dovuta al fatto che molti hanno visto in questa possibilità l’occasione giusta per affrontare difficoltà economiche o occupazionali.

L’intuizione si è rivelata giusta nella maggior parte dei casi, dato che i viaggiatori (sia stranieri sia italiani) amano molto questo tipo di turismo a stretto contatto con il territorio e la gente del posto. Inoltre risulta più economico rispetto al soggiorno in un hotel e solitamente vi si instaura un piacevole clima familiare.

da casa a B&B

Vediamo cosa prevede la Normativa della Regione Toscana riguardo i requisiti delle strutture micro-ricettive.

Come per tutti i contratti di affitto, anche per gli affitti per brevi periodi il locatore deve presentare specifici documenti per essere in regola.

Tra questi, sono da recuperare in catasto:

  • la visura catastale con l’indicazione dei metri quadri dell’unità immobiliare;
  • la planimetria catastale, cioè la rappresentazione grafica dell’immobile.

In Toscana la Legge Regionale del 20 dicembre 2016, n. 86 , che regolamenta il sistema turistico regionale, cataloga i Bed and Breakfast tra le “strutture ricettive extra-alberghiere con le caratteristiche della civile abitazione”, categoria che comprende anche gli esercizi di affittacamere, le case per le vacanze, i residence, le residenze d’epoca e le locazioni turistiche.

In particolare ai B&B è dedicato l’art.56, in cui si legge che questa attività può essere gestita:

  • in forma non imprenditoriale, purché i proprietari la esercitino esclusivamente nella casa dove hanno la residenza e il domicilio.
  • in forma imprenditoriale, indipendentemente dal numero di alloggi gestiti; in questo caso può essere prevista la somministrazione di alimenti e bevande agli alloggiati.

Per aprire la struttura è necessario presentare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) in modalità telematica allo Sportello Unico delle Attività Produttive (SUAP) del Comune di pertinenza.

I proprietari e gli usufruttuari che intendono locare dovranno comunicare la forma imprenditoriale o meno dell’attività e le informazioni relative al numero di camere e posti letto che si intende affittare, gli arrivi e la durata della locazione.

Ma se avete intenzione di aprire il vostro Bed and Breakfast in un appartamento in un condominio, prima di pianificare tutto, fate attenzione al regolamento! Può darsi infatti che esso preveda delle clausole che impediscono  di adibire interi appartamenti o singole stanze ad uso ricettivo. Se così fosse, non ci sarà modo di cambiare le regole condominiali.

I consigli di Pegaso Immobiliare.

Cercate un immobile adatto a diventare un Bed and Breakfast? Visitate il nostro sito e valutate le proposte nella zona di Pisa e provincia!

Se invece disponete già di una casa piuttosto ampia, posizionata in una zona strategica che potrebbe attirare turisti, potete valutare l’idea di trasformarla in un B&B.

Per adeguare la vostra struttura alla nuova attività che pensate di intraprendere, Pegaso Immobiliare vi consiglia di ristrutturare, o comunque di ridisporre gli spazi, in modo da separare il più possibile le stanze degli ospiti e i loro relativi bagni dalla zona abitativa.

da casa a B&BCosì tutelerete la vostra privacy e garantirete il relax degli ospiti allo stesso tempo.

Una zona della vostra casa gode di una vista mozzafiato? Cercate di disporre le stanze che affitterete su quel lato dell’abitazione, per usufruire dell’affaccio con vista panoramica consentito da questo lato.

Pegaso Immobiliare, grazie ad accordi commerciali con selezionati artigiani o all’occorrenza imprese edili di maggiori dimensioni, vi offre la possibilità di ottenere preventivi per qualsiasi opera di costruzione o ristrutturazione.

Inoltre, in collaborazione con professionisti abilitati, svolge tutti i servizi tipici di uno studio tecnico: verifiche urbanistiche/catastali, progettazione, direzione lavori, pratiche edilizie/catastali.

Se state cercando un aiuto concreto per far diventare il vostro immobile una struttura ricettiva a norma, affidatevi alla nostra competenza.

Facebook
Facebook
Instagram