Archivio mensile ottobre 2019

Blog Agenzia Immobiliare Pegaso: i 5 articoli più letti!

Che cosa avete cercato, trovato, letto e condiviso di più? Ecco quali sono gli articoli più cliccati del blog dell’Agenzia Immobiliare Pegaso.

Il blog dell’Agenzia Immobiliare Pegaso è online da quasi 2 anni ed è stato il primo blog immobiliare nato a Pisa.

Questo spazio è diventato per l’Agenzia Pegaso un luogo in cui approfondire vari temi legati alla casa e nel tempo la pubblicazione dei contenuti con cui è stato arricchito è diventata un appuntamento importante con voi lettori, che in queste “pagine virtuali” potete trovare tante notizie e aggiornamenti riguardanti il mercato immobiliare, ma anche consigli per la casa ed indicazioni utili su come intraprendere l’acquisto, la vendita o l’affitto di un immobile.

L’idea di base che anima il blog dell’Agenzia Pegaso è quella di dare risposte anche su temi che possono apparire complessi per chi non opera nel settore immobiliare, prendendo spunto dalle domande che i clienti fanno più spesso e dalle novità dal mondo del mattone.

Per fare questo ho scelto un taglio semplice, che possa rendere lo stile scorrevole da leggere e i contenuti chiari e comprensibili per tutti.

Oggi, dopo aver pubblicato oltre 50 articoli, voglio riproporre gli argomenti che vi hanno interessato di più.

Ecco quali sono stati i contenuti più letti; ti basterà cliccare sul titolo per visualizzare tutto il testo:

1. “Realizzare un giardino d’inverno: quando servono i permessi?”

Realizzare un giardino d’inverno può essere un’ottima soluzione per valorizzare la casa ed estendere lo spazio abitativo.

In questo articolo, il più cliccato in assoluto, trovi informazioni su come creare uno spazio esterno coperto e quando servono i permessi.

2.”Accordi territoriali 2018 del Comune di Pisa sul contratto d’affitto per studenti.”

Pisa è sede di una delle più prestigiose università italiane e ospita circa 20.000 studenti fuori sede che hanno lasciato il proprio luogo di residenza per studiare lontano da casa.

Cosa prevede la legge italiana riguardo il contratto d’affitto per studenti? Qual è il tipo di contratto più vantaggioso? Ci sono agevolazioni?

Ecco le risposte!

3. “Scegli i colori più adatti per la camera del tuo bambino.”

I colori esercitano precisi effetti sul nostro stato d’animo e possono incidere sul benessere. Allora perché non circondarsi dei toni giusti all’interno della nostra casa?

Pegaso Immobiliare ti aiuta a scegliere i colori più adatti per la camera del tuo bambino.

4. “Vivere in appartamento o in una casa indipendente? Tutti i pro e i contro.”

Quando si è alla ricerca di una nuova casa, una delle prime cose da fare dopo aver deciso la zona in cui si vorrebbe vivere e aver stabilito il budget a disposizione è definire la tipologia di immobile su cui orientarsi.

È meglio abitare in un appartamento o in una casa indipendente? A questa domanda non esiste una risposta valida per tutti; si tratta di una scelta troppo soggettiva! Vediamo insieme i pro e i contro, poi starà a te rapportare tutto alle tue abitudini ed esigenze, e vedere da quale parte pende per te la bilancia…

5. “Si può vendere casa prima di aver estinto il mutuo?”

La maggior parte degli italiani acquista casa ricorrendo ad un mutuo ipotecario, che vincola chi lo sottoscrive per molto tempo: normalmente il contratto può avere una durata compresa tra i 5 e i 40 anni, variabile secondo quanto stabilito da ogni singola banca e in relazione alla tipologia di prodotto scelto.

Trattandosi di un arco temporale di rimborso spesso molto ampio, può capitare che nel frattempo le esigenze della famiglia cambino e che nasca l’esigenza di doversi trasferire e vendere il proprio immobile prima del previsto.

Ma si può vendere una casa prima di aver finito di pagare le rate del mutuo? La risposta è sì.

In questo articolo trovi le soluzioni possibili.

Come dimostra anche la varietà dei 5 titoli della classifica, quando si parla di CASA gli argomenti che possono essere trattati sono davvero tantissimi e diversi tra loro.

Questo perché la casa è un oggetto, un bene rifugio, un investimento da proteggere e gestire al meglio; ma di certo non si tratta solo di questo.

Al di là dell’aspetto materiale, la casa è il posto sicuro in cui tornare, che riveste da sempre un senso più intimo e profondo.

Ed è proprio questa varietà di significati che si possono attribuire alla casa a rendere così ampio e variegato il ventaglio di argomenti da trattare sul blog… e sempre nuovo, importante e affascinante il mio lavoro di agente immobiliare.

Se stai cercando un professionista che possa guidarti nell’operazione immobiliare che ti sta a cuore, contatta l’Agenzia Immobiliare Pegaso e vieni a conoscere tutti i servizi che avrai a disposizione per realizzarla con successo.

Intanto… BUONA LETTURA!

A presto!

Elisabetta Senesi

 

Cedolare su affitto a canone concordato 2020: c’è la proroga ma sale l’aliquota.

Brutte notizie per i proprietari: la Manovra 2020 introduce un aumento dell’aliquota della cedolare secca sulle locazioni a canone concordato.

Nel contratto di locazione a canone concordato l’importo del canone di affitto che l’inquilino dovrà corrispondere al proprietario non è deciso dalle parti (come avviene con il canone libero) ma è calcolato in base agli indicatori contenuti nell’Accordo territoriale.

Questo documento, che è frutto della contrattazione tra sindacati degli inquilini e associazioni dei proprietari, fissa la soglia massima e quella minima entro le quali dovrà essere stabilita l’entità del canone.

⇒Per saperne di più sugli Accordi territoriali nel Comune di Pisa clicca qui.

Dunque l’inquilino che stipula un contratto di locazione a canone concordato ha il vantaggio di pagare un canone “calmierato”, inferiore a quelli normalmente applicati.

Il proprietario che sceglie di vincolarsi a tali condizioni ha diritto a specifiche agevolazioni fiscali:

  • ai fini Imu e Tasi può beneficiare di una riduzione del 25% della base imponibile;
  • in regime di cedolare secca, l’aliquota è al 10% invece che al 21%.

La misura ridotta della cedolare secca sugli affitti abitativi a canone concordato (la stessa che si applica anche alle locazioni degli studenti universitari) è motivata dalla finalità di favorire l’accesso all’abitazione a quei soggetti che non possono rivolgersi al libero mercato.

Introdotta nel 2014 dal Governo Renzi e in seguito confermata dal Governo Gentiloni nel 2017, in questi anni di applicazione la cedolare secca al 10% ha garantito un’offerta abitativa estesa, agevolando la mobilità di lavoratori e studenti sul territorio, ma non solo.

Uno degli effetti positivi prodotti consiste in una riduzione senza precedenti dell’evasione fiscale nelle locazioni.

Quindi possiamo dire che è senza dubbio una misura sociale che funziona, apprezzata unanimemente da forze politiche, sindacati, operatori ed esperti del settore immobiliare.

Ma tra le novità della manovra 2020 c’è una modifica che rischia di guastare questa situazione.

Il Governo Conte ha deciso di prorogare la cedolare secca sugli affitti abitativi a canone concordato, ma aumentandone l’aliquota dal 10% al 12,5%.

Mentre le associazioni di categoria e il mondo immobiliare sono già sul piede di guerra e contestano questa mossa poco prudente che mette le mani nelle tasche dei proprietari, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri difende le scelte del Governo dicendo che l’aumento è più contenuto del previsto.

Infatti l’aliquota al 10% era solo temporanea ed era destinata a salire al 15%. Da questo punto di vista il fatto di renderla strutturale al 12,5% rappresenta una riduzione e non un aumento delle tasse.

Nonostante il chiarimento, resta il fatto che questa decisione grava sui locatori e ha sollevato dure critiche da parte dell’Unione Inquilini e di Confedilizia, che ritengono il provvedimento un errore clamoroso.

Infatti aumentare l’aliquota della cedolare secca per i contratti agevolati comporta più tasse per i locatori; la conseguenza sarà che gli accordi fino ad oggi firmati localmente vedranno la richiesta da parte delle associazioni dei proprietari di rivedere i valori.

Il rialzo dei canoni che ne potrebbe derivare è destinato a mettere in difficoltà gli inquilini.

Continua a seguire il blog e la pagina Facebook dell’Agenzia Immobiliare Pegaso per essere sempre al corrente di tutte le novità del settore immobiliare e, se hai delle domande, contattami!

Sarò felice di aiutarti a risolvere ogni tuo dubbio relativo all’affitto o alla compravendita di un immobile.

Elisabetta Senesi

Cambio casa: come aiutare il tuo cane a vivere il trasloco senza stress?

Cambiare casa e abitudini è un grande passo per il tuo cane, proprio come lo è per te.

Ecco alcuni consigli per traslocare senza che il tuo amico a quattro zampe si stressi troppo.

Hai comprato casa e adesso ti prepari a trasferirti definitivamente tra le nuove mura.

Per te è un momento emozionante, ma sicuramente tra uno scatolone e l’altro spesso lo stress del trasloco si fa sentire.

Sappi che non sei il solo a vivere questa situazione: se abiti con un amico a quattro zampe anche lui avverte i cambiamenti in atto e di certo condivide il tuo stato d’animo.

All’improvviso il tuo cane si trova ad assistere alla trasformazione dell’ambiente che lo circonda e a cui è abituato.

Vede togliere oggetti dalla loro posizione abituale, smontare mobili, buttare via cose che non vi seguiranno nella nuova casa, riempire e accatastare scatoloni… capisce che qualcosa sta cambiando, ma non sa esattamente ciò che lo attende e questo genera stress.

Spetta a te prevenire il suo disagio.

Per questo motivo ti consigliamo innanzitutto di tenere il tuo animale il più possibile lontano da tutto il caos degli scatoloni il giorno del trasloco.

Puoi lasciarlo per qualche ora da un tuo amico o da un parente che lui conosce e con cui è a suo agio, in modo che non si senta spaesato o abbandonato.

In alternativa lascialo in una stanza con acqua e cibo a disposizione e con oggetti a lui familiari e se ti gira intorno cercando di curiosare negli scatoloni non proibirglielo e coinvolgilo in quello che stai facendo.

E una volta arrivati nella nuova casa?

Ognuno reagisce in modo diverso al cambiamento e la reazione che il tuo amico peloso avrà entrando nella nuova casa dipenderà molto dal suo carattere.

Ma di base ricordati che il cane, oltre ad essere un animale abitudinario, è anche molto territoriale, per cui abbandonare quello che ha marcato come proprio territorio per entrare in un ambiente completamente nuovo non è affatto facile per lui.

Trovandosi immerso in suoni e odori del tutto sconosciuti, l’animale potrà apparire nervoso, spaesato, a volte spaventato.

Quindi, a meno che tu non ti stia trasferendo in una città molto lontana dal luogo in cui vivi adesso, è meglio “addolcire” il passaggio da un’abitazione all’altra nei giorni che precedono il trasloco portandolo a passeggio nel nuovo quartiere.

Inoltre potresti farlo entrare in casa e associare questa prima esperienza conoscitiva a qualcosa di piacevole, che lasci un ricordo positivo: porta nella nuova abitazione del cibo oppure il suo giochino preferito.

Il cane ha bisogno di marcare il territorio ed è per questo che è importante che ispezioni la casa prima del trasloco definitivo.

Poi, nelle prime settimane nella nuova abitazione, cerca di organizzarti in modo tale che almeno una persona sia sempre in casa insieme all’animale e stabilisci per lui la nuova routine nel più breve tempo possibile, evitando di modificare le vostre abitudini.

Nel corso delle prime passeggiate inizierà a riconoscere gli odori della nuova zona e acquisirà il senso dell’orientamento, che potrai aiutarlo a sviluppare diversificando le strade da percorrere per fare ritorno a casa.

Lascia che si trattenga ad annusare ciò che vuole (ha bisogno di conoscere il nuovo spazio) e che si avvicini ad altri cani, chiaramente sotto la tua supervisione.

Le interazioni e i momenti di gioco con i suoi simili nel nuovo quartiere lo aiuteranno a distrarsi e ad abituarsi meglio al cambiamento.

Con qualche piccola accortezza riuscirai a far adattare bene il tuo cane all’ambiente, è solo questione di tempo e presto potrete godervi insieme la vostra nuova casa.

L’importante è che si senta circondato dal tuo affetto che, ne siamo certi, non mancherà.

Sei stai per affrontare il trasloco ti facciamo i migliori auguri per la tua nuova casa e speriamo che i nostri consigli ti siano utili per vivere serenamente questo momento di passaggio con il tuo cane.

Se invece stai cercando l’immobile perfetto per un nuovo inizio, sicuramente l’Agenzia Immobiliare Pegaso saprà individuare la soluzione giusta per te, ovviamente con tutto lo spazio che desideri per il tuo amico a quattro zampe!

Contatta subito l’Agenzia Pegaso!

A presto.

Elisabetta Senesi

PS. Potrebbero interessarti anche altri articoli del blog:

Buona lettura!

Facebook
Facebook
Instagram