Contributo affitto 2019: come fare domanda nel Comune di Pisa?

Contributo affitto 2019: come fare domanda nel Comune di Pisa?

Sta per scadere il termine per presentare domanda per il contributo sull’affitto 2019 nel Comune di Pisa.

Ecco tutte le informazioni utili per fare richiesta.

Se abiti in affitto e vuoi fare richiesta per il contributo ad integrazione dei canoni di locazione per l’anno 2019, hai tempo fino a venerdì 12 luglio per partecipare al bando pubblicato dall’Ufficio Politiche dalla Casa del Comune di Pisa.

Presentare domanda è semplice. Ti basta compilare il modulo predisposto dal Comune di Pisa, scaricabile dalla pagina dedicata sul sito internet del Comune, che puoi raggiungere cliccando qui.

Altrimenti puoi trovare il modello della domanda presso:

  • il front office dell’Ufficio Politiche della Casa il mercoledì e il venerdì dalle ore 11:00 alle ore 12:30 e il martedì dalle ore 15:30 alle ore 17:00;
  • presso L’ U.R.P. del Comune sul Lungarno Galilei, n° 42 nell’orario di apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 12:30 e martedì e giovedì anche dalle 15:00 alle 17:00;
  • nelle varie sedi dei Sindacati degli Inquilini e presso gli uffici decentrati di:
    • via Cagliaritana n.30/a – Marina di Pisa
    • via Donizetti – CEP
    • via P. Ximenes n.9 – Putignano
    • via F.lli Antoni – San Giusto
    • Largo Petrarca 15 – Don Bosco.

Chi può partecipare al bando per il contributo affitto 2019 del Comune di Pisa?

Per approfondire i requisiti necessari per fare richiesta ti consigliamo di leggere il bando all’art.1; qui, per semplificare il testo, ne riassumiamo il contenuto con il seguente elenco.

Può partecipare al bando chi è in possesso di:

  1. cittadinanza italiana, o di uno Stato appartenente all’Unione Europea, o di uno Stato non appartenente all’Unione Europea, ma con permesso di soggiorno superiore a due anni, in corso di validità e attività lavorativa oppure carta di soggiorno in corso di validità;
  2. residenza anagrafica nel Comune di Pisa e precisamente nell’alloggio per il quale si chiede il contributo;
  3. titolarità di un regolare contratto di locazione ad uso abitativo relativo ad un alloggio di proprietà privata (con esclusione delle categorie catastali di lusso: A1, A8 e A9) o pubblica (con esclusione degli alloggi ERP e di edilizia agevolata), adibito ad abitazione principale, corrispondente alla residenza anagrafica del richiedente ed ubicato nel Comune di Pisa, regolarmente registrato ed in regola con il pagamento annuale dell’imposta di registro salvo opzione della “cedolare secca”;
  4. assenza di titolarità, da parte di tutti i componenti del nucleo familiare, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio adeguato al nucleo familiare ubicato a distanza pari o inferiore a 50 chilometri dal Comune di Pisa;
  5. assenza di titolarità, da parte di tutti i componenti del nucleo familiare, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili o quote di essi ubicati su tutto il territorio italiano o all’estero, il cui valore complessivo sia superiore a 25.000,00 euro;
  6. valore del patrimonio mobiliare non superiore a 25.000,00 euro;
  7. non superamento del limite di 40.000,00 euro di patrimonio complessivo;
  8. assenza di titolarità, da parte di tutti i componenti il nucleo familiare, di altro beneficio pubblico erogato da qualunque Ente e in qualsiasi forma a titolo di sostegno alloggiativo nello stesso periodo temporale;
  9. attestazione ISEE in corso di validità al momento della presentazione della domanda e che non presenti difformità e/o omissioni e dalla quale risulti un valore ISE non superiore a 28.684,36 euro e un valore ISEE non superiore a 16.500,00 euro.

Le disposizioni dei punti 4 e 5 non vengono applicate se il richiedente è proprietario di un solo immobile ad uso abitativo ma:

  • non ha la disponibilità della casa coniugale di cui è proprietario perché coniuge legalmente separato o divorziato
  • è documentata la non disponibilità della titolarità pro-quota
  • l’alloggio è inagibile
  • l’alloggio è sottoposto a procedura di pignoramento.

Cosa allegare alla domanda?

Per partecipare al bando è necessario che la domanda sia corredata dai seguenti documenti:

  1. copia di un documento di identità valido del richiedente
  2. copia di permesso di soggiorno e/o carta di soggiorno in corso di validità del richiedente
  3. copia integrale del contratto di locazione in corso di validità con attestazione del pagamento dell’ultima registrazione o dell’adesione al regime fiscale della “cedolare secca”
  4. se il valore ISE è pari a zero o inferiore al canone di locazione annuo, occorre presentare anche un modulo di autocertificazione compilato e sottoscritto dal soggetto sostentatore.

Come presentare domanda per il contributo affitto 2019 del Comune di Pisa?

Puoi presentare la tua domanda secondo una delle seguenti modalità:

  • consegna presso l’U.R.P., presso le 5 sedi decentrate e presso l’Ufficio Politiche della Casa nell’orario di apertura al pubblico;
  • invio mediante raccomandata A/R all’indirizzo dell’Ufficio Politiche della Casa del Comune di Pisa (via Fermi n. 4); in questo caso, farà fede il timbro dell’Ufficio Postale accettante;
  • mediante posta certificata (pec): comune.pisa@postacert.toscana.it;
  • on-line, accedendo al servizio presente nella pagina servizi.comune.pisa.it.

Cerchi un professionista che ti aiuti a gestire al meglio il tuo affitto a Pisa?

L’Agenzia Immobiliare Pegaso metterà a tua disposizione un servizio mirato e attento per soddisfare le tue esigenze, chiarendoti qualsiasi dubbio e curando ogni aspetto della tua locazione.

Contattami subito!

A presto,

Elisabetta Senesi

Titolare dell’Agenzia Immobiliare Pegaso

Please follow and like us:

Info sull'autore

Agenzia Pegaso Immobiliare editor

Commenta

Facebook
Facebook
Instagram