Controlli sull’immobile prima della vendita: come risolvere gli errori catastali?

Controlli sull’immobile prima della vendita: come risolvere gli errori catastali?

Vendi casa? Ecco come verificare la presenza di eventuali errori catastali e cosa fare per sanarli.

Dopo una calda estate fatta anche di vacanze e meritato relax, settembre è il mese in cui tutto riparte.

Bisogna riprendere il passo con la quotidianità e per farlo con entusiasmo può essere di grande aiuto stabilire nuovi propositi e fissare qualche bell’obiettivo da raggiungere.

Tra le cose che desideri fare nei prossimi mesi hai programmato anche la vendita della tua casa? Di certo si tratta di un bel progetto… ma anche di un impegno importante!

Vendere un immobile non è cosa da poco: è un’operazione che ha bisogno di tempo e che porta con sé un carico emotivo da non sottovalutare, specialmente se quella che vuoi mettere sul mercato è la casa in cui hai vissuto per anni.

Perciò la compravendita immobiliare deve essere condotta con molta cura, già a partire dalla sua organizzazione.

Come abbiamo detto anche in altre occasioni sul nostro blog, la prima cosa da fare prima di mettere un immobile in vendita è reperire e controllare tutta la documentazione relativa al bene.

Purtroppo, specialmente quando la compravendita non passa attraverso un’agenzia immobiliare, capita spesso che vengano individuate delle difformità dell’immobile quando l’iter di compravendita è già a buon punto.

In questi casi può servire del tempo per risolvere le varie problematiche, con il conseguente rischio di dover rimandare o veder saltare l’intero affare.

In particolare è importante che tu sappia che dal 1 Luglio 2010 è entrata in vigore una Legge che obbliga a verificare che la planimetria catastale (ovvero il disegno dell’immobile conservato negli uffici dell’Agenzia del Territorio) corrisponda allo stato di fatto della casa.

Nel caso in cui la casa e la planimetria catastale siano differenti l’atto è considerato nullo, dal momento che chi acquista ha il diritto di comprare un bene perfettamente conforme ai documenti depositati in Comune.

Se spunta un problema che impedisce di concludere il contratto di vendita, l’acquirente potrebbe anche scegliere di non comprare più la casa e di chiedere il doppio dei soldi che ha versato a titolo di caparra alla firma del preliminare.

Dunque tu, in quanto parte venditrice, devi prevenire queste situazioni verificando per tempo se tutto è in regola o se ci sono difformità di cui magari non eri a conoscenza.

Come correggere gli errori catastali?

Se da una visura catastale dell’abitazione si riscontrano inesattezze ad esempio sul numero dei vani e dei metri quadri, cosa puoi fare?

Per quanto riguarda eventuali errori catastali, l’Agenzia delle Entrate ha spiegato che si può chiedere la correzione nella banca dati del Catasto, presentando una domanda presso gli uffici provinciali – Territorio o, in alcune situazioni, mediante il servizio online “Contact center” presente sul sito.

Il richiedente deve indicare nella domanda le proprie generalità, i dati catastali dell’immobile, la situazione riscontrata e le informazioni utili alla correzione dell’errore.

Tramite la procedura online è possibile correggere:
  • errori sulla persona a cui è intestato l’immobile: cognome e nome (per le aziende “denominazione”), codice fiscale, luogo e data di nascita (per le aziende “sede legale”), diritti e quota di possesso;
  • errori sui dati dell’immobile: indirizzo, ubicazione (n° civico, piano, interno, ecc.) o evidenti inesattezze nella consistenza (numero vani o metri quadri).

Per presentare la richiesta occorre disporre dell’identificativo catastale dell’immobile (foglio, particella, subalterno) e degli estremi di uno dei seguenti documenti:

  • atto notarile di acquisto,
  • dichiarazione di successione,
  • domanda di voltura catastale,
  • denuncia al catasto di nuova costruzione o variazione.

È decisamente meglio giocare d’anticipo ed intraprendere la vendita sapendo di avere tutte le carte in regola.

Con l’appoggio di un professionista immobiliare sarà tutto più facile.

In particolare, alla luce delle difficoltà che possono sorgere, per dare maggiore serenità sia al venditore che all’acquirente l’Agenzia Immobiliare Pegaso mette a disposizione dei suoi clienti un servizio specifico: il Check up FIMAA Pisa.

Si tratta di un vero e proprio fascicolo informativo che contiene i documenti fondamentali per conoscere nel dettaglio le caratteristiche di un casa o di un fabbricato, in modo che chi chiede l’assistenza dell’Agenzia Pegaso per la vendita o l’acquisto possa farlo con la tranquillità di essere in mani sicure.

Per saperne di più leggi questo articolo e se vuoi che ti guidi nella vendita della tua casa contattami.

Ti aspetto!

Elisabetta Senesi.

Please follow and like us:

Info sull'autore

Agenzia Pegaso Immobiliare editor

Commenta

Facebook
Facebook
Instagram